Ambiti di intervento psicoterapeutico

Disturbi psicosomatici

studio psicologo venezia

Disturbi psicosomatici: l’espressione corporea della sofferenza psicologica

I Disturbi psicosomatici sono disturbi somatici causati oppure aggravati da fattori psicologici quali lo stress eccessivo e prolungato ed i conflitti emotivi.

sintomi psicosomatici derivano dall’iper-attivazione del sistema nervoso autonomo, che genera una risposta vegetativa a situazioni di malessere psicologico o di stress.
Le emozioni hanno origine a livello neurobiologico nella struttura celebrale definita Sistema Limbico, collegato al corpo mediante il sistema nervoso periferico.
Il sistema nervoso autonomo, il cui funzionamento avviene indipendentemente dalla volontà dell’individuo, è costituito da fasci di fibre nervose che si diramano dal sistema nervoso centrale verso le varie zone del corpo, e regola l’attività delle ghiandole, la motilità delle viscere, il ritmo del cuore e altre funzioni e nei principali sistemi dell’organismo.
Un esempio del funzionamento di tale sistema è percepibile quando la persona sperimenta emozioni di paura o rabbia: in questi casi è possibile avvertire vari cambiamenti corporei quali aumento del battito cardiaco, nausea, aumento della sudorazione, tremori, respirazione accelerata, etc.
Le reazioni fisiche generate dalle emozioni, dunque, rappresentano il legame indissolubile che intercorre tra la mente ed il corpo.

Le emozioni negative, quali la rabbia, il senso di colpa e l’ansia possono mantenere il sistema nervoso autonomo in uno stato di attivazione persistente ed il corpo in una condizione di emergenza continua, per un tempo più lungo di ciò che l’organismo è in grado di sopportare.
Tale stato di costante iper-attivazione del sistema nervoso autonomo può provocare disfunzioni a carico degli organi e degli apparati più vulnerabili per la persona, quali ad esempio l’apparato gastrointestinale o il sistema muscolo scheletrico.

Alcuni tra i disturbi psicosomatici più frequenti sono: la colite spastica (colon irritabile), la cefalea muscolo tensiva, la fibromialgia, la dermatite psicosomatica, il disturbo da somatizzazione.
Un aspetto tipico nei Disturbi Psicosomatici, inoltre, è costituito dalla ‘migratività del sintomo’, ovvero dal cambiamento del sintomo psicosomatico nel tempo.

In ambito psicoterapeutico si riscontra come la presenza di sintomi psicosomatici è frequente nella Depressione e nelle varie forme di disturbi di ansia.
In relazione a ciò, infatti, risulta necessario considerare la sintomatologia caratteristica nella cosiddetta ‘depressione mascherata’, forma di depressione in cui è presente una predominanza di sintomi fisici piuttosto che dei tipici sintomi cognitivi ed emotivi della depressione, i quali risultano viceversa sottosoglia ovvero non raggiungono i necessari criteri di inclusione per una diagnosi di depressione ‘piena’.

Nella maggior parte dei casi nella persona che soffre di un disturbo psicosomatico si evidenziano processi psicologici di repressione delle emozioni.
In alcuni casi sono presenti caratteristiche alessitimiche.

L’alessitimia costituisce un fenomeno complesso, generato della compresenza di fattori genetici, neurofisiologici, intrapsichici, nonché di modelli disfunzionali di comunicazione  familiare e di fattori socioculturali.
Tale problematica può essere considerata un deficit della funzione riflessiva del Sé caratterizzata da difficoltà nell’espressione e nella mentalizzazione, ovvero nel riconoscimento, nella consapevolezza e nell’accettazione delle emozioni provate.

AUTORE: Dott.ssa Mariangela Gaudio – Psicologa Psicoterapeuta
sedi: Mirano (Venezia) – Padova

Argomenti correlati